Teatro La Scala
Home > In linea con l'utente > Domande frequenti > Lavorare e studiare in Australia

GUIDA AL TRASFERIMENTO IN ACT.

L’Ambasciata d’Italia NON fornisce informazioni personalizzate su possibilità di lavoro, tirocinio  o studio in Australia. Le seguenti pagine contengono informazioni mirate a cittadini italiani che intendono trasferirsi in Australia per soggiorni di lungo periodo.  Al fine di pianificare l’arrivo, si raccomanda di dare la massima attenzione a ogni indicazione del Governo australiano e di raccogliere il maggior numero di informazioni possibile, facendo affidamento esclusivamente a soggetti qualificati, evitando pagine internet amatoriali e non ufficiali, incluse quelle di sedicenti organizzazioni no-profit.

INTRODUZIONE
Questa breve Guida informativa è una prima indicazione su come muoversi e ricercare informazioni in rete. Per tutti, valgono alcune regole d’oro:
• l’Australia è un paese civile e avanzato ma anche molto diverso dall’Italia: prima di lasciare il nostro paese è importantissimo raccogliere informazioni approfondite;
• le pratiche burocratiche per trasferirsi in Australia possono essere complesse. Si consiglia di affidarsi principalmente a fonti informative del governo australiano o enti sponsorizzati dallo stesso governo, valutando criticamente le informazioni contenute in blog, diari di viaggiatori, stampa non specializzata (inclusi i quotidiani di maggiore tiratura), pagine facebook e siti informativi non ufficiali;
• le politiche migratorie australiane sono estremamente selettive. La concessione di un visto è solitamente legata al possesso di solide e comprovate competenze professionali in settori in cui esiste domanda di lavoro, pre-esistenti esperienze lavorative ed una perfetta conoscenza della lingua inglese;
• il costo della vita in Australia è molto elevato: occorre pertanto avere una disponibilità finanziaria adeguata per far fronte alle necessità di primo trasferimento.

EMIGRARE IN AUSTRALIA
Informazioni aggiornate sui requisiti per ottenere un visto per l’Australia sono a disposizione  sul sito del Department of Immigration - DIAC (www.immi.gov.au) . Altri siti utili sono quelli dell’Ambasciata australiana a Roma (www.italy.embassy.gov.au; telefono 06.852721, fax 06.85272300, e-mail: info-romedfat.gov.au), dell’ente turistico nazionale australiano (www.australia.com/it) e del Governo statale dell’ACT (www.act. gov.au).(2)
I principali programmi di immigrazione australiani sono:
- Skilled Migration, mirato a professionisti e personale specializzato. Il programma è strutturato come un sistema a punti, nell’ambito delle quote di visti concessi annualmente. È possibile auto-candidarsi o venire sponsorizzati da un’azienda o un ente pubblico. Il punto di partenza per valutare la possibilità di presentare domanda è la Skilled Occupation List redatta annualmente dal governo australiano (SOL, www.immi.gov.au/skilled/sol) e la Australian Skills Recognition Information (www.immi.gov.au/asri).
- Family Migration, mirato a persone sponsorizzate da un parente che abbia la cittadinanza australiana o la residenza permanente in Australia.
- Returning Residents Migration, per ex-cittadini o ex-residenti australiani che desiderano tornare in Australia.
Per particolari figure professionali, che sono molto ricercate in Australia, il Dipartimento dell’Immigrazione ha messo a punto un modello di visto, lo “Skilled-Independent (Migrant) Visa” (Subclass 175) che consente un accesso privilegiato in Australia (http://www.immi.gov.au/skilled/general-skilled-migration/175). Per accedere a questo visto è necessario soddisfare tre requisiti: età inferiore ai 50 anni compiuti, avere una conoscenza adeguata della lingua inglese e rientrare in una delle categorie professionali, evidenziate in una speciale lista ministeriale (la SOL – Skilled Occupation List), consultabile al seguente indirizzo web: http://www.immi.gov.au/skilled/sol.
Per maggiori informazioni consultare il sito www.skilledselect.gov.au.

Si segnala che l’Ambasciata d’Australia a Roma non rilascia visti d’ingresso per il territorio australiano, in quanto per l’Europa continentale è in funzione un nuovo sistema per il rilascio dei visti online - eVisa: www.immi.gov.au/e_visa. Qualora il sistema informatico non dovesse funzionare, o la singola domanda di visto presentasse elementi di criticità, è necessario rivolgersi all’ufficio visti presso l’Ambasciata d’Australia a Berlino (www.germany.embassy.gov.au).

VISTI TEMPORANEI
• Visto turistico: non consente di esercitare alcuna attività lavorativa, né di studiare in Australia.
• Working-Holiday Visa: i cittadini italiani tra i 18 e i 30 anni possono richiedere un visto vacanze-lavoro valido per un anno, rinnovabile una seconda volta se nel primo anno si svolgono attività lavorative nelle zone rurali per almeno tre mesi. Permette di lavorare per un massimo di sei mesi con lo stesso datore di lavoro. Si tratta di un visto temporaneo, non finalizzato all’immigrazione e la permanenza stabile in Australia.
• Visto Studente: destinato a coloro che intendono frequentare un corso di studi in Australia (lingua, universitario, specializzazione professionale). Consente di lavorare part-time (massimo di 20 ore settimanali) durante la durata del corso.

AGENTI DELL’IMMIGRAZIONE
In Australia operano agenti per l’immigrazione certificati dal Dipartimento dell'Immigrazione, che offrono servizi di consulenza a pagamento. Una lista degli agenti è consultabile al sito del Migration Agents Registration Authority - MARA (www.mara.gov.au). L'agente d'immigrazione può consigliare il tipo di visto più consono, fornire assistenza per la compilazione della domanda di visto, presentarla per vostro conto e fare da tramite con gli uffici competenti. Alcuni agenti hanno uffici anche in Italia. Prima di servirsi delle prestazioni di un agente è opportuno sincerarsi che sia regolarmente iscritto al MARA. Si raccomanda di prestare massima cautela nei confronti di gruppi informali o organizzazioni no-profit che propongono pacchetti di assistenza gratuita. Si ricorda infine che la consulenza degli agenti dell’immigrazione non è obbligatoria: è possibile portare a termine ogni pratica tramite il solo contatto con il Dipartimento dell’Immigrazione.

LAVORARE IN AUSTRALIA
Il visto è la pre-condizione per poter lavorare in Australia. Per svolgere determinate professioni occorre però anche il riconoscimento della propria qualifica professionale. L’agenzia Vetassess (www.vetassess.com.au) offre consulenze private, dietro compenso, a chi intenda svolgere una professione in Australia. La ricerca di lavoro in Australia avviene soprattutto online (i principali siti internet per ricerca lavoro sono: www.seek.com.au; www.careerone.com.au; www.mycareer.com.au; www.jobsearch.gov.au; www.careerjet.com.au; www.engineeringjobs.net.au; www.teachers.on.net). Si suggerisce anche di consultare i supplementi lavoro dei quotidiani locali o rivolgersi ad agenzie di collocamento (v. la lista dei membri della Recruitment & Consulting Services Association, www.rcsa.com.au). La ricerca di un lavoro avviene inoltre tramite le reti sociali (passaparola, social media) e auto-candidature spontanee. Si raccomanda di adattare il proprio CV allo stile australiano, scrivere una lettera di presentazione, indicare contatti australiani.

RICONOSCIMENTO TITOLI DI STUDIO
Non esiste alcun accordo tra Italia e Australia che permetta il riconoscimento automatico dei titoli di studio che dia quindi l’automatico diritto di lavorare in Australia. Non esiste un criterio univoco neppure per il riconoscimento delle qualifiche professionali, anche se informazioni piu’ precise si possono ottenere dalle autorita’ locali visitando il link dell’Assessment of Overseas Qualifications sul sito web www.aei.gov.au.

RICERCA SCIENTIFICA
L’Australia valorizza le capacità professionali scientifiche e tecnologiche per cui è possibile trovare un impiego presso un’università o un centro di ricerca per chi è in possesso di un curriculum professionale valido. Occorre cercare con pazienza tra tutte le università per vedere se ci sono posizioni aperte (per un elenco delle Università australiane, si veda www.australianuniversities.com.au).

LAVORO PRESSO AZIENDE ITALIANE
Esistono diverse aziende italiane in Australia con propri uffici commerciali o di rappresentanza, il cui personale è però quasi interamente assunto localmente. Una lista di aziende italiane presenti in Australia è disponibile sul sito web dell’Ufficio ICE di Sydney (www.ice.gov.it/paesi/oceania/australia/index.htm).

LAVORI STAGIONALI IN FARM
Opportunità di lavoro in fattoria possono essere ricercate tramite il sito del Harvest Trail (www.jobsearch.gov.au/harvesttrail) e la rete dei numerosi working hostels (vedasi anche www.workstay.com.au). Si raccomanda di fare molta attenzione alle offerte di lavoro in fattorie, al fine di evitare situazioni spiacevoli. La normativa australiana prevede che il lavoro in fattoria debba essere retribuito, a meno che non si tratti di esperienze di lavoro in coltivazioni organiche aderenti all’Associazione WWOOF Australia (le offerte di woofing sono limitate e possono essere pubblicizzate solo tramite l’Associazione e non tramite Gumtree o backpapers billboards).

OPPORTUNITÀ DI LAVORO PRESSO  AMBASCIATA O CONSOLATO
Per lavorare nei Consolati, o in Ambasciata, è necessario superare un concorso pubblico per dipendente di ruolo in Italia. I concorsi si svolgono a scadenze irregolari presso il Ministero degli Esteri. I bandi vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale e su www.esteri.it.
L’Ambasciata, ed i Consolati, in Australia possono assumere anche personale a contratto locale, sempre tramite concorsi  pubblici che vengono pubblicizzati sui propri siti web e sui maggiori quotidiani locali. I requisiti essenziali sono:
1) essere in possesso di un visto di residenza permanente;
2) essere residenti in Australia da almeno due anni;
3) perfetta conoscenza della lingua inglese.

OPPORTUNITÀ DI TIROCINIO PRESSO  L’AMBASCIATA
Potranno considerarsi positivamente eventuali proposte di convenzioni di tirocinio che l’Ambasciata dovesse ricevere da Università italiane (o istituti abilitati al rilascio di titoli accademici) interessate a promuovere opportunità di tirocini curriculari a studenti universitari (o assimilati) di cittadinanza italiana.

TAX FILE NUMBER
Per lavorare in Australia bisogna richiedere il codice fiscale australiano (Tax File Number, TFN) all’Australian Taxation Office – ATO (www.ato.gov.au).  Il TFN servirà per pagare le tasse ed ottenere l’eventuale rimborso delle stesse (ad esempio contributi pensionistici, in caso di rientro in Italia).
Si fa presente che per la richiesta del rimborso delle tasse (tax return) NON è obbligatoria la consulenza di agenti o altri professionisti. Per maggiori informazioni, visitare il sito www.ato.gov.au  (anche in lingua italiana).


DIRITTI E DOVERI DEI LAVORATORI
Il Fair Work Ombudsman – FWO (www.fairwork.gov.au) è l’autorità preposta alla regolamentazione dei rapporti di lavoro. Per chi concluda un contratto di lavoro, anche stagionale, è consigliabile visitare il sito dell’organizzazione per una descrizione degli aspetti principali della normativa del lavoro locale, quali il pagamento dei salari, gli straordinari, le tasse, i contributi pensionistici. FWO è anche l’autorità che raccoglie denunce e segnalazioni di casi di sfruttamento e irregolarità sul lavoro.

RSA E WHITE CARD
L’ospitalità e l’edilizia sono fra I settori economici con maggiori opportunità per i nuovi arrivati, soprattutto se titolari di visti temporanei. Il Responsible Service of Alcohol (RSA) è una documentazione che consente di lavorare in pub, bar e locali che servono alcolici. La White Card è una certificazione necessaria per lavorare nell’edilizia (norme di sicurezza nel settore delle costruzioni). Entrambe le certificazioni sono ottenibili con la frequentazione (anche online) di brevi corsi operati da enti australiani riconosciuti (www.training.gov.au).

INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO
I cittadini stranieri possono essere assunti dalle scuole (che si dividono in pubbliche, private, religiose) dopo l'avvenuta iscrizione al Teachers Registration Board (www.trb.act.gov.au)  per la quale sono richiesti una serie di requisiti, tra cui l’aver seguito corsi professionali in Australia e ottenuto un “DipEd” (Diploma of Education), spesso ad integrazione di qualifiche già ottenute all'estero. Informazioni utili sono disponibili anche sul sito dell’Australian Institute for Teaching and School Leadership (http://www.aitsl.edu.au). In Australia operano diversi Enti gestori di corsi di  lingua italiana che assumono insegnanti di italiano a tempo pieno o parziale.  Altri link utili sono disponibili sul sito www.afmlta.asn.au.

STUDIARE L’INGLESE
La conoscenza elevata della lingua inglese e’ il pre-requisito essenziale per chiunque voglia trasferirsi in Australia. La scarsa, o mancata, conoscenza della lingua inglese preclude l’accesso alla maggior parte delle offerte di lavoro. Per chi volesse frequentare corsi di lingua nell’area di Canberra, il sito www.studyinaustralia.gov.au offre un’ampia informativa sulle scuole private e pubbliche e le università che offrono corsi a tutti i  livelli. 

PASSAPORTO ITALIANO
Il passaporto italiano sarà il vostro unico documento che garantisce il soggiorno in Australia: si raccomanda di conservarlo con cura e farne sempre una copia cartacea o elettronica. Lo smarrimento del passaporto costituisce un evento di massima gravità, da segnalare con urgenza alle autorità di polizia australiane e all’Ambasciata o Consolato di riferimento.  Si consiglia di non portare con sé il passaporto, se non strettamente necessario, e di fare richiesta di una “proof of age card” (v. oltre).
L’Ambasciata d’Italia, ed i Consolati, sono abilitati al rilascio di passaporti, o di documenti provvisori di viaggio (ETD), sia in caso di smarrimento (solo a seguito di denuncia alla polizia locale) o alla scadenza del documento.
I cittadini che ricevono un nuovo passaporto devono informare le autorità di immigrazione australiana dell’ottenimento del nuovo documento.

PROOF OF AGE CARD
È fortemente raccomandato ai cittadini italiani che giungono in Australia per soggiorni di lungo periodo l’ottenimento di una carta d’identita’ australiana (Proof of Age Card) che si può richiedere presso gli uffici del Dipartimento dei Trasporti (www.rego.act.gov.au).
N.B. La carta d’identità italiana non ha valore in Australia.  L’Ambasciata, ed i Consolati, non rilasciano duplicati o nuove carte d’identità.

PATENTE DI GUIDA
La patente italiana, debitamente tradotta dall’Ambasciata o da un traduttore ufficiale, è valida per guidare in Australia, così come la patente di guida internazionale. I cittadini italiani, in possesso di un visto di residenza permanente, possono richiedere il rilascio della patente di guida australiana presso gli uffici della motorizzazione dell’ACT (www.rego.act.gov.au).
Duplicati di patenti di guida italiane smarrite o deteriorate possono essere richiesti solo agli uffici della Motorizzazione Civile in Italia.
Tenuto conto delle diverse norme stradali dall’Italia, soprattutto la guida a sinistra e la presenza di numerosi animali sulla strada, si raccomanda la massima cautela quando si guida in Australia. 

AIRE
Ci si può iscrivere all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) se si è in possesso di un visto australiano con durata superiore ad un anno. L’iscrizione all’AIRE equivale ad un cambio di residenza; permette di votare dall’estero alle elezioni politiche e facilita l’accesso ai servizi consolari. Ci si può iscrivere all’AIRE anche per email. Per maggiori informazioni sulle modalità di iscrizione all’AIRE e per una panoramica completa dei servizi offerti dall’Ambasciata d’Italia, consultare il sito www.ambcanberra.esteri.it.

TASSAZIONE
Fra Australia ed Italia è in vigore una convenzione per evitare la doppia imposizione fiscale, in base alla quale non sono soggetti a tassazione in Italia i redditi percepiti e tassati in Australia. L’applicazione della convenzione prescinde dall’iscrizione all’AIRE. Per consulenze su tematiche di natura fiscale, si suggerisce di rivolgersi all’Australian Taxation Office – ATO (www.ato.gov.au).
 
DOGANE
Le politiche di bio-sicurezza e quarantena australiane sono molto restrittive, soprattutto per l’importazione in Australia di prodotti alimentari, piante, animali, legno, macchinari usati. In caso di dubbio, si suggerisce di contattare l’ufficio doganale australiano (www.customs.gov.au) ed il Ministero della Agricoltura (www.daff.gov.au/bsg).

ASSISTENZA LEGALE
L’Ambasciata non fornisce servizi di assistenza legale, ma mette a disposizione degli interessati una lista di consulenti che parlano Italiano.

COPERTURA SANITARIA
Nell’ACT il livello delle strutture sanitarie locali è buono, con personale qualificato sia nel settore pubblico sia in quello privato. In generale i costi sono molto alti e occorre anticipare le spese che sono in parte rimborsabili dal sistema sanitario pubblico. Un accordo fra Australia e Italia garantisce l’accesso al servizio sanitario australiano per la durata di 6 mesi a tutti i cittadini italiani che hanno un visto per soggiornare in via temporanea in Australia, senza pagamento di alcuna spesa in caso di ricoveri ospedalieri (si pagano invece le visite specialistiche e dal medico generico; è escluso dalla copertura il servizio ambulanza). Per accedere al servizio sanitario australiano occorre dimostrare di essere residenti in Italia ed essere iscritti al servizio sanitario italiano, esibendo il passaporto e la tessera sanitaria nazionale italiana agli sportelli di Medicare (equiparabili alle nostre ASL). Qualora si intenda risiedere in Australia per un periodo superiore a sei mesi occorre stipulare una copertura assicurativa privata per evitare di incorrere negli elevati costi di ricovero presso gli ospedali (per maggiori informazioni visitare la pagina web:  www.privatehealth.gov.au).
Per ulteriori informazioni si possono visitare i seguenti siti: www.medicareaustralia.gov.au oppure www.humanservices.gov.au

TRADUZIONI
Per traduzioni dall’italiano all’inglese, e viceversa, rivolgersi a traduttori accreditati dalla National Accreditation Authority for Translators and Interpreters – NAATI (www.naati.com.au).
L’Ambasciata fornisce solo servizi di traduzione per patenti italiane.

LE SCUOLE
Nell’ACT non esistono scuole italiane ma opera una scuola elementare bilingue (Yarralumla Primary School). Il sistema scolastico comprende scuole (pubbliche e private) generalmente di livello elevato. L’istruzione nella scuole pubbliche è gratuita: ai non residenti permanenti può essere richiesto un contributo. Maggiori informazioni sul sistema scolastico australiano sono disponibili alla pagina web:  www.myschool.edu.au.

CONTI CORRENTI BANCARI AUSTRALIANI
Aprire un conto corrente australiano è un’operazione semplice: è sufficiente recarsi presso una qualsiasi banca muniti di passaporto e fornendo un indirizzo australiano, a cui sarà spedita la carta associata al conto. L’elenco delle banche operative in Australia e’ disponibile sul sito dell’ Australian Bankers Association – ABA (www.bankers.asn.au).

POLIZIA, OSPEDALI E EMERGENZE
Il numero per le emergenze in Australia è 000 (ambulanza, vigili del fuoco, incidenti stradali, situazioni di pericolo immediato). Il numero per contattare la polizia australiana in situazioni non di emergenza è 131444. Consultare il sito web della polizia per individuare la stazione di polizia a voi più vicina (www.police.act.gov.au). Per informazioni di natura medico-sanitaria si può contattare il numero 1800022222 (Health Direct Australia). Per contatti di strutture ospedaliere, ambulatori e medici generici fare riferimento al sito del Dipartimento della Salute (www.healthdirect.gov.au).

SICUREZZA
L’Australia è un paese abbastanza sicuro. Per maggiori informazioni ed aggiornamenti si prega di consultare il sito Viaggiare Sicuri (www.viaggiaresicuri.it), curato dall’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con l’ACI.

Scarica qui la guida!