I rapporti bilaterali

 

I rapporti bilaterali sono storicamente improntati a grande cordialita' , grazie alla comune appartenenza ai valori delle democrazie occidentali ed alla presenza di una ben integrata comunita', che ammonta a quasi un milione di persone.
Lo scambio delle visite ha visto negli ultimi anni un evidente squilibrio a sfavore italiano.
Le ottime relazioni tra Italia ed Australia sono state rilanciate dall'incontro avuto dal Presidente del Consiglio Renzi con il Premier australiano Abbott nel novembre 2014 a margine del Vertice G20 di Brisbane.
In tale occasione il Presidente del Consiglio Renzi ha anche effettuato una visita a Sydney, dove ha incontrato la grande comunita' italo-australiana, visitato alcune delle principali aziende italiane presenti in Australia e tenuto una conferenza alla presenza dei maggiori gruppi australiani nei settori industriale, commerciale , finanziario e bancario.
Nel settembre 2015 il Sottosegretario agli Esteri Della Vedova ha effettuato una visita in Australia in occasione dei colloqui bilaterali a livello alti funzionari che ha conseguito l'obiettivo di un rilancio delle relazioni politiche ed economiche tra i due Paesi.
Nel novembre 2015 il Sottosegretario alla Difesa Rossi ha effettuato una visita a Canberra dove ha avuto una serie di incontri, tra i quali la Ministra della Difesa Payne , per il rafforzamento dei rapporti bilaterali nel settore della difesa.
Da parte australiana nel 2015 vi sono state le visite in Italia dell'Attorney General Brandis, che ha inaugurato il Padiglione australiano della Biennale di Venezia, e del Ministro delle Finanze Corman alla guida di una delegazione di imprenditori australiani. Nel maggio 2016 il Ministro australiano del Commercio e degli Investimenti Ciobo ha avuto un incontro a Roma con il Sottosegretario allo Sviluppo Economico Scalafarotto per uno scambio di vedute sul prossimo avvio dei negoziati per un Accordo di Libero Scambio tra l'Unione Europea e l'Australia.
Sul piano economico i dati sull'interscambio sono positivi ( 4,1 miliardi adi Euro) con le nostre esportazioni attestate a 3,6 Miliardi di Euro. Al momento vi sono in Australia circa 180 aziende italiane. Vi sono comunque ampi margini di miglioramento per un ulteriore rafforzamento della nostra presenza, in particolare nei settori dei macchinari, delle infrastutture, della difesa, dell'agorindustriale e dei beni di consumo di alta e media qualita' nonche' per un aumento dei flussi reciproci di investimento, tenuto conto della naturale complementarieta' delle due economie italiana ed australiana.


43